Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Spazio

 

Spazio

1 0

L’Ambasciatore d’Italia Armando Varricchio incontra l’astronauta italiano Paolo Nespoli all’Ambasciata d’Italia a Washington

 

La collaborazione tra Italia e Stati Uniti nel settore spazio nasce nel 1962 grazie all’accordo firmato con la National Aeronautics and Space Administration (NASA) per lanciare il primo satellite italiano, il San Marco. L’Italia divenne così il terzo Paese al mondo a lanciare un satellite artificiale in orbita terrestre.

La prima missione congiunta tra la NASA e l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), LAGEOS-2, risale al 1992, anno in cui fu lanciata anche la missione Tethered per studiare la ionosfera. La missione interplanetaria Cassini-Huygens, conclusasi nel 2017, è stata invece lanciata nel 1997 per osservare Saturno e le sue lune, tra cui la maggiore Titano. In aggiunta a queste missioni numerosi sono stati gli esperimenti scientifici italiani condotti a bordo di missioni NASA: SWIFT (2004); SHARAD (2005); DAWN (2007); FERMI / GLAST (2008); JUNO (2011); NuSTAR (2012).

Diversi gli accordi alla base della cooperazione tra Italia e Stati Uniti in ambito spaziale, tra cui:

  • Framework Agreement for the Peaceful Cooperation in Space 
    Firmato nel 2013 l’accordo avvia una nuova fase di collaborazione non solo con la NASA, ma anche con altre Amministrazioni degli Stati Uniti coinvolte nelle attività spaziali, quali National Oceanic and Atmospheric Administration (NOOA) e US Geological Survey (USGS).
  • Memorandum of Cooperation (MoC) on the Commercial Space Transportation
    F
    irmato nel 2014 tra Ente Nazionale Aviazione Civile (ENAC) e Federal Aviation Administration (FAA), rinnovato nel 2016 con estensione ad ASI.
  • Accordo tra ASI e NASA sullo scambio dei dati di COSMO-SkyMed (Constellation of small Satellites for the Mediterranean basin Observation) firmato nel 2015 per l’elaborazione e l’analisi dei dati sull’Osservazione della Terra.
  • Estensione della MoU (Memorandum of Understanding) tra ASI e NASA per l’analisi dei dati relativi alla missione Cassini - Huygens, Febbraio 2018.

La cooperazione sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS)

La Stazione Spaziale Internazionale rappresenta l’avamposto umano nello spazio, frutto della cooperazione tra Stati Uniti, Russia, Giappone, Canada ed Unione Europea. ASI e NASA hanno stabilito una partnership sulla ISS, con un memorandum firmato nel 1997. In orbita circolare bassa a circa 400 km dalla superficie terrestre, gli equipaggi conducono ricerche ed esperimenti nel campo delle scienze naturali e mediche in assenza di peso, a supporto delle esplorazioni future e con un ritorno sull’economia reale in termini di applicazioni e servizi. Costruita a partire dal 1998 e grande quanto un campo di calcio, sarà operativa, salvo ulteriori estensioni, fino al 2024. I due principali contributi dell'Unione Europa al progetto sono il laboratorio ‘Columbus’ e il ‘Veicolo di Trasferimento Automatizzato’, alla cui realizzazione hanno anche contribuito industrie italiane.

Circa il 50% del volume abitabile della stazione spaziale è stato prodotto in Italia: i tre “Multipurpose Logistics Modules” in cooperazione con la NASA; la “Cupola” e i “Nodi 2 e 3” in collaborazione con l'ESA. La Cupola, la più grande finestra mai realizzata per lo spazio, dalla quale sono state scattate meravigliose foto del nostro pianeta, è stata principalmente sviluppata e assemblata in Italia. Ad oggi, gli esperimenti condotti sulla ISS in collaborazione con enti di ricerca e istituzioni italiane sono stati circa 70.

La cooperazione italiana sulla Stazione Spaziale ha fornito le seguenti opportunità di volo: Franco Malerba (1992), Maurizio Cheli (1996), Umberto Guidoni (1996 e 2001), Paolo Nespoli (2007 e 2011, 2017), Roberto Vittori (2003, 2005 e 2011), Luca Parmitano (2013), Samantha Cristoforetti (2014). Tra questi, Franco Malerba è stato anche il primo astronauta europeo a metter piede sulla stazione spaziale.

Link utili:

Agenzia Spaziale Italiana - https://www.asi.it/ 

European Space Agency- https://www.esa.int/ 

National Aeronautics and Space Administration - https://www.nasa.gov/ 

Ministero Affari Esteri – Sezione Diplomazia Scientifica e Addetti Spaziali
https://www.esteri.it/mae/it/politica_estera/cooperscientificatecnologica/addetti_spaziali.html 

 


2139