Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Stefano Stefanini, Vicario del Capo Missione presso l’Ambasciata d’Italia a Washington, nominato Ambasciatore d’Italia presso la NATO a Bruxelles

Data:

01/08/2011


Stefano Stefanini, Vicario del Capo Missione presso l’Ambasciata d’Italia a Washington, nominato Ambasciatore d’Italia presso la NATO a Bruxelles

  Il Ministro Plenipotenziario Stefano Stefanini, Vicario del Capo Missione presso l’Ambasciata d’Italia a Washington, e’ stato nominato Ambasciatore e Rappresentante Permanente d’Italia presso la NATO a Bruxelles.  La sua nomina e’ stata resa pubblica dal Ministero degli Affari Esteri il 9 aprile dopo che il governo Belga ha espresso il suo gradimento.  Stefano Stefanini e’ nato a Lerici il 25 dicembre del 1947, dopo la maturita’ classica, ha frequentato la facolta’di Giurisprudenza all’Universita’ di Pisa dove si e’ laureato nel 1970.  Sottotenente degli alpine prima ad Aosta e, successivamente, in Val di Susa, e’ entrato nella carriera diplomatica nel 1974.  

Tra gli incarichi ricoperti, dopo essere stato assegnato alla Direzione Generale per il Personale, dal 1977 al 1981 e’ stato Console a Perth in Australia, quindi Consigliere alla Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’ONU a New York.  Rientrato a Roma nel 1985, e’ stato prima al Dipartimento per la Cooperazione allo Sviluppo, quindi alla Direzione Generale Affari Economici.  Dal 1990 al 1993 e’ stato Consigliere a Mosca, e, successivamente Primo Consigliere a Washington.   

Nel 1999 e’ stato nominato Consigliere Diplomatico Aggiunto alla Presidenza della Repubblica.  Nel 2000 viene promosso Ministro Plenipotenziario e dal 2003 assegnato a Washington quale Vicario del Capo Missione.  

L’Ambasciatore Stefanini arrivera’ a Bruxelles verso la meta’ di aprile, accompagnato dalla moglie Stephanie.  Rispondendo ad una domanda di un giornalista, commenta la sua recente nomina: “E’ una soddisfazione enorme.  Si tratta di un incarico di grandissima responsabilita’, soprattutto in un momento come questo.”  




559