Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Chiude a Washington la IV settimana della cucina italiana negli USA. Protagoniste tradizione e innovazione.

Data:

22/11/2019


Chiude a Washington la IV settimana della cucina italiana negli USA. Protagoniste tradizione e innovazione.

La cena a Villa Firenze, residenza dell’Ambasciatore d’Italia a Washington, con lo chef Giancarlo Morelli ha coronato i numerosi eventi organizzati dalla rete diplomatico consolare negli USA nel corso della IV settimana della cucina italiana nel mondo, tenutasi dal 18 al 22 novembre 2019. Tra gli ospiti della serata il Senatore del Missouri Roy Blunt, il Congressman del North Carolina, Mark Meadows, il Segretario al Lavoro, Eugene Scalia, il Segretario alla Salute, Alex Azar e il Sottosegretario di Stato Keith Krach.

Lo Chef Morelli ha presentato un menu innovativo ispirato alle tradizioni lombarde presentando agli ospiti della serata le nostre eccellenze eno-gastronomiche. Tra i partner dell’evento Alitalia, il Consorzio del Tartufo d’Alba, il Consorzio Franciacorta e l’azienda vinicola Casale del Giglio.

“Le proposte dello chef - ha detto l’Ambasciatore - sono il risultato della capacità italiana di coniugare tradizione e innovazione, di sposare processi antichi a metodi moderni. Un connubio unico e insuperabile tra rispetto delle tradizioni e sguardo al futuro”.

Nel corso della settimana, l’Ambasciata a Washington ha organizzato un seminario con Amy Riolo per studenti universitari e delle scuole superiori, una conferenza scientifica dedicata al tema dell’alimentazione in collaborazione con l’Università di Georgetown, cui sono intervenuti la Prof.ssa Maria Benedetta Donati (IRCCS Istituto Neurologico Mediterraneo) e il professor Frank Sacks del Dipartimento per la Nutrizione dell’Università di Harvard, una discussione su cibo e spazio cui hanno partecipato il Generale Roberto Vittori, Attaché spaziale dell’Ambasciata, la NASA, il National Air and Space Museum e la società italiana Argotec.

Insieme all’Istituto Italiano di Cultura, ed in collaborazione con il Fondo Internazionale per la Fotografia (FIOF), l’Ambasciata ha inaugurato la mostra fotografica “Queen” di Antonio Gibotta che con immagini evocative attira l’attenzione del visitatore sulla qualità dei prodotti italiani che rendono la Dieta Mediterranea “regina” tra le diete. A completare il ciclo di eventi, la proiezione di un documentario dedicato a Gualtiero Marchesi, in collaborazione con l’IIC, ed una giornata di formazione con le insegnanti della American Association of Teachers of Italian (AATI) presenti a Washington per la Convention annuale di ACTFL (American Council on the Teaching of Foreign Languages).

Oltre 70 gli appuntamenti organizzati negli Stati Uniti i dalla rete delle istituzioni italiane nella Capitale e a Boston, Chicago, Detroit, Filadelfia, Houston, Los Angeles, Miami, New York e San Francisco. In tutto il territorio americano si è parlato di temi di attualità come la sostenibilità alimentare, il diritto al cibo, la Dieta Mediterranea, la salute e la sicurezza alimentare. Si è parlato di cultura alimentare, di territori e biodiversità, di prodotti a denominazione protetta e controllata, e del contrasto al fenomeno dell’“Italian sounding”, di prodotti DOP e IGT. A questo link i principali eventi della rete.

Nel corso della settimana è stata lanciata insieme alla no profit americana Save Venice la campagna #AmericaLovesVenice volta a raccogliere fondi per Venezia dopo le gravi inondazioni che hanno recentemente colpito la città.


Luogo:

Washington

2337