Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

L'Ambasciata d'Italia celebra il 500 ° anniversario di Leonardo da Vinci (Washington, 22 ottobre 2019).

Data:

22/10/2019


L'Ambasciata d'Italia celebra il 500 ° anniversario di Leonardo da Vinci (Washington, 22 ottobre 2019).

Martedì 22 ottobre, l'Ambasciata d’Italia a Washington ha ospitato un evento per celebrare il 500 ° anniversario della morte di Leonardo da Vinci e l'eredità del genio del Rinascimento.

L'evento, sponsorizzato da Leonardo SpA, ha consentito di celebrare non soltanto il suo genio artistico, riflesso in alcuni dei dipinti più famosi e ammirati del mondo – come la Gioconda, l'Ultima Cena e il ritratto di Ginevra de 'Benci nella collezione della National Gallery – ma anche la sua determinazione a estendere i limiti del possibile, di stabilire connessioni tra i diversi campi della conoscenza e il suo approccio empirico che anticipò i metodi che avrebbero successivamente dato origine alla scienza contemporanea.

All’inizio della serata, l'Ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti, Armando Varricchio, ha sottolineato la forza dell'amicizia e dell'Alleanza che uniscono l'Italia e gli Stati Uniti, come testimoniato dalla recente visita del Presidente della Repubblica Italiana. “Stasera – ha aggiunto l’Ambasciatore - celebriamo il 500 ° anniversario di Leonardo, l'uomo del Rinascimento per eccellenza il cui ingegno, creatività e capacità di allargare i confini della conoscenza umana, sono sempre stati profondamente radicati in un approccio umanistico. L'eredità di Leonardo sopravvive fino ad oggi, mentre cerchiamo di garantire che gli sviluppi rivoluzionari in molti campi scientifici cui stiamo assistendo siano inclusivi e beneficino tutto il genere umano. Un approccio che è centrale nel rapporto tra USA e Italia, tra i numerosi ricercatori e scienziati che lavorano fianco a fianco per favorire progressi su entrambe le sponde dell'Atlantico e tra aziende americane e italiane, come Leonardo.

Le parole dell'Ambasciatore sono state riprese da Alessandro Profumo, AD di Leonardo, che ha dichiarato: "In qualità di AD di una delle principali società aerospaziali, di difesa e sicurezza internazionali, sono lieto di contribuire alle celebrazioni di questo uomo, scienziato, artista e letterato impareggiabile e senza rivali. La nostra azienda, con radici in Italia, porta il suo nome in onore di questo "Genio Universale" la cui visione di mondi futuri e la cui passione per l'innovazione e l'eccellenza nell'ingegneria, plasmano ancora la nostra attività quotidiana. Allo stesso modo, la capacità di Leonardo di superare i confini nazionali ci spinge a migliorare e sviluppare continuamente la presenza internazionale della nostra azienda e crescere con i nostri partner. Un esempio in questo senso sono i 50 anni di servizio fornito al Governo degli Stati Uniti attraverso tecnologie basate sulla visione di da Vinci di trasformare le idee in innovazione."

L'evento ha anche rappresentato un'opportunità per celebrare il 50 ° anniversario di Leonardo DRS, la controllata americana della società italiana Leonardo. La serata è stata arricchita da un discorso sull'eredità di Leonardo da Vinci di Michael Gelb, autore di “How to think Leonardo Da Vinci”, e da un'esibizione della famosa mezzosoprano Deborah Domanski. In esposizione all'Ambasciata anche alcune riproduzioni macchine volanti di da Vinci, grazie alla mostra progettata da Leonardo SpA.


2318