Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Continua la storia di successo della collaborazione tra l’Ambasciata d’Italia a Washington e il National Museum of Women in the Arts.

Data:

19/03/2019


Continua la storia di successo della collaborazione tra l’Ambasciata d’Italia a Washington e il National Museum of Women in the Arts.

Washington, 19 marzo 2019. Continua, a poche settimane dalle celebrazioni per l’8 marzo e nel corso delle mese della storia della donna, il successo del partenariato tra l’Ambasciata d’Italia e il National Museum of Women in the Arts (NMWA). L’Ambasciatore d’Italia Armando Varricchio ha organizzato ieri un ricevimento a Villa Firenze in onore dei principali benefattori e sponsor del NMWA, unica grande istituzione museale al mondo dedicata esclusivamente alla raccolta di opere e alla promozione di artiste donne. Il prossimo 12 aprile, inoltre, l’Ambasciatore insieme all’Ambasciatrice saranno i “patron” dell’Annuale gala del Museo.

A fine giugno 2018, l’Ambasciata aveva sostenuto il Museo nella realizzazione della mostra “Women to Watch – Heavy Metal”, inaugurata presso la Residenza, alla presenza della Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, in visita a Washington. Per l’esposizione del 2018 erano esposti numerosi lavori di artiste americane e alcune opere di artiste provenienti da altri Paesi, tra cui l’italiana Serena Poratti.

A testimonianza del ruolo sempre più centrale esercitato dalle donne nel panorama culturale, all’evento in residenza erano presenti Gabriella Belli, Direttrice della Fondazione Musei Civici, e Paola Marini, ex Direttrice delle Gallerie dell’Accademia di Venezia entrambe a Washington per l’inaugurazione della mostra su Jacopo Tintoretto alla National Gallery of Art.

“Oggi celebriamo la forte collaborazione in campo artistico tra gli Stati Uniti e l’Italia e l’impulso che le donne da una parte e dall’altra dell’Atlantico hanno dato ai nostri rapporti in campo culturale e non solo” ha sottolineato l’Ambasciatore Varricchio.


Luogo:

Washington, DC

2235