Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

L’Ambasciatore Varricchio riceve a Villa Firenze l’élite dell’economia USA in occasione della 35° conferenza della National Association for Business Economics (NABE)

Data:

28/02/2019


L’Ambasciatore Varricchio riceve a Villa Firenze l’élite dell’economia USA in occasione della 35° conferenza della National Association for Business Economics (NABE)

Washington, 27 febbraio 2019 - L’Ambasciatore d’Italia negli USA, Armando Varricchio, ha ospitato oggi a Villa Firenze i membri della National Association for Business Economics (NABE) riunitisi a Washington in occasione della 35esima Conferenza annuale dell’Associazione. Fondata nel 1959, la NABE è una delle maggiori associazioni internazionali che riunisce imprenditori, manager, economisti, accademici e policy makers con l’obiettivo di analizzare i principali trend economici e di mercato, formulare proposte e indicazioni di policy per stimolare crescita, innovazione e prosperità, attraverso tavole rotonde, programmi di formazione e partnership con prestigiose università americane. Tra i relatori della Conferenza del 2019 figurano il premio Nobel Paul Krugman, il Vice Presidente della FED, Richard Clarida, il Presidente del Peterson Institute for International Economics, Adam Posen e l’ex Governatore della Banca Centrale, Raghuram Rajan.

Di fronte ad una platea di oltre 250 personalità, l’Ambasciatore ha sottolineato l’importanza dei rapporti economici che legano l’Italia agli Stati Uniti e il ruolo fondamentale esercitato dai nostri due Paesi nell’attuale contesto economico mondiale caratterizzato da trasformazioni epocali (quali l’Artificial Intelligence, la Internet of Things, Big Data, etc). “Italia, Europa e USA - ha proseguito l’Ambasciatore - economie di mercato profondamente interconnesse, possono esercitare un ruolo propulsore nel panorama internazionale, grazie alla comune appartenenza a fora quali il G7, il G20 e altre organizzazioni internazionali, per creare prosperità, sviluppo e crescita in un quadro di regole condivise, essenziali per governare scenari in continuo mutamento.”


2225