Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Economia

 

Economia

1

4 Giugno 2018 – Lamborghini in mostra durante le celebrazioni per la Festa della Repubblica Italiana all’Ambasciata d’Italia a Washington

 

I rapporti economici e commerciali sono un pilastro fondamentale nelle relazioni tra Italia e Stati Uniti. L’Italia vanta storicamente un andamento positivo negli interscambi commerciali con gli Stati Uniti.

Le esportazioni italiane negli USA sono principalmente concentrate sui settori dei macchinari, dei mezzi di trasporto, della chimica e della farmaceutica, dei prodotti del sistema moda/persona e dell’ agroalimentare. Nella domanda italiana di prodotti statunitensi sono invece prevalenti i prodotti farmaceutici e chimici di base, i prodotti energetici (carbone e derivati del petrolio) e gli aeromobili.

Gli investimenti italiani negli USA si concentrano per lo più sui settori retail (tessile/abbigliamento), della meccanica strumentale, dell’automotive, della logistica e dell’aerospazio. Gli investimenti statunitensi in Italia ruotano soprattutto attorno ai settori dell’industria manifatturiera, in particolare della chimica, meccanica e computer e dell’elettronica, e dei servizi, in particolare quelli del ramo bancario, finanziario e assicurativo, nonché quelli attinenti a informatica e telecomunicazioni.

La prospettiva di un possibile accordo tra USA e UE per una maggiore integrazione dei rispettivi mercati rappresenta un tassello di importanza cruciale. I negoziati TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership) sono però di fatto congelati. L'Amministrazione Trump sta, infatti, conducendo una "review" complessiva della politica commerciale americana. In questo contesto non mancano segnali incoraggianti su una possibile ripresa del dialogo tra Washington e Bruxelles.

Per maggiori informazioni:

L’Ufficio Economico e Commerciale dell’Ambasciata d’Italia a Washington coordina le attività di promozione economica negli Stati Uniti, ponendosi come obiettivo la crescita dell’interscambio commerciale, dei flussi di investimenti e della cooperazione tecnologica tra i due Paesi.

La strategia di promozione è attuata grazie a un continuo coordinamento con altri soggetti italiani attivi negli USA, come ad esempio l’ICE - Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane (ITA), la Banca d’Italia, l’Agenzia Nazionale del Turismo (ENIT), il Ministero della Difesa, i vertici italiani presenti presso la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Interamericana di Sviluppo, e naturalmente, le imprese italiane.

 

Fare affari in USA

Suggeriamo di partire dal sito Info Mercati Esteri per informazioni in merito alle opportunità di affari negli Stati Uniti:

Per informazioni sulla normativa federale e statale statunitense che un investitore italiano deve conoscere prima di costituire una struttura operativa o commerciale negli USA, dagli adempimenti legali e fiscali e agli aspetti legati al diritto del lavoro, dalle regole che governano gli investimenti agli incentivi offerti dalle varie amministrazioni statali, invitiamo invece a consultare:

Fare affari in Italia

Se siete interessati a fare affari in Italia, suggeriamo di consultare:

Accordi e intese in campo fiscale

  • Convenzione Italia Stati Uniti sulla tassazione dei redditi e guadagni da capitale
  • Accordo Bilaterale tra Italia e Stati Uniti tra il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali italiano e il Tobacco Tax and Trade Bureau (aprile 2011)
  • Convenzione tra Italia e USA per evitare le doppie imposizioni e la prevenzione dell'evasione fiscale con riguardo alle imposte sulla proprieta' immobiliare e le successioni e Filing requirements (testo solo in inglese)
  • Convenzione tra il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo degli Stati Uniti d'America per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le frodi o le evasioni fiscali. Scambio di Note Verbali con emendamenti alla Convenzione.

1716